2006/1 - L'identità in questione PDF Print E-mail
Written by Adriano Fabris   
Monday, 03 September 2012 10:44
There are no translations available.

La questione dell’identità si è presentata negli ultimi anni, con sempre maggiore importanza, all’attenzione dell’indagine filosofica. A seguito della crisi che ha conosciuto il modello identitario, elaborato sia dalla metafisica classica che dalla dialettica idealistica e post-idealistica, si è sempre più imposta la necessità di ripensare radicalmente questa tematica, l’identità, mostrando fino a che punto essa risulti, per dir così, inquietata da un’alterità che costitutivamente l’attraversa e che risulta oltremodo difficile eliminare. La questione non riveste però, solamente, un carattere astratto, ma richiede anche di essere affrontata con urgenza, tenendo conto soprattutto dei mutamenti culturali e sociali che hanno caratterizzato la storia recente. Ecco allora che diviene opportuno tematizzare le categorie di ‘identità’ e di ‘alterità’ per pensare in maniera adeguata la situazione contemporanea: da una prospettiva filosofica, ripeto, e non semplicemente socio-culturale.

È questo il compito del presente fascicolo di Teoria. In esso il tema prescelto è affrontato, come di consueto, sia da un punto di vista storico-filosofico che in una chiave più propriamente teorica. Non mancano dunque sondaggi che più esplicitamente si riferiscono ad autori classici e contemporanei del pensiero occidentale: da Aristotele a Cusano, da Fichte a Heidegger, da Levinas a Derrida. Ma, insieme, in esso vengono ospitati scritti che si confrontano in maniera originale con particolari tematiche: con la riproposizione, ad esempio, del tema dell’identità quale si ritrova nella filosofia di Severino, nonché con le questioni della differenza di genere e con la figura del transgender, quale modello di un’identità che oltrepassa la distinzione fra i sessi.

Con questo fascicolo, giunta ormai al ventiseiesimo anno di pubblicazione, Teoria inaugura la sua terza serie. Motivi editoriali, volti a favorire una maggiore diffusione della rivista, hanno consigliato di iniziare questa nuova avventura. D’ora in poi, dunque, Teoria si caratterizzerà per un taglio ancor più decisamente monografico – proseguendo la tradizione del “riquadro tematico”, da molti anni caratteristico di questa pubblicazione – e per un formato più invitante. Non cambierà tuttavia il suo profilo culturale, affinatosi nel corso dei venticinque anni di partecipazione al dibattito filosofico italiano. Come infatti ricordava Vittorio Sainati, nell’editoriale premesso alla “nuova serie” della rivista, Teoria si configura soprattutto “come luogo d’incontro e di confronto”, e perciò “rifiuta ogni ancoraggio a prospettive scolasticamente precostituite o irrigidite, nell’intento di recare qualche contributo alla libera e feconda convergenza dialettica di molteplici esperienze di ricerca”. Su questa linea Teoria continuerà appunto il suo cammino: aperta ai problemi del presente, fedele a un’impostazione filosofica al di là di ogni schema imposto.

 

Scarica il fascicolo completo (PDF in italiano, 525Kb)