Teoria 2005/2
2005/2 - A partire da Vittorio Sainati PDF Stampa E-mail
Scritto da Adriano Fabris   
Lunedì 03 Settembre 2012 10:24

Questo fascicolo raccoglie i contributi – elaborati e modificati – al convegno su Ermeneutica, logica, teologia. A partire da Vittorio Sainati, svoltosi a Pisa nei giorni 11 e 12 maggio 2005. Scopo del convegno – organizzato dalla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Pisa, dal Dipartimento di Filosofia della stessa Università e dalle Edizioni ETS – è stato non già quello di fornire un’occasione per onorare un maestro dell’Ateneo pisano, a un anno e mezzo circa dalla sua scomparsa, bensì quello di promuovere un confronto sui temi che in più ampia misura hanno rappresentato il centro della ricerca sainatiana: l’ermeneutica filosofica, la logica formale e la critica teologica, ai quali appunto il titolo delle giornate di studio allude. L’intento dell’iniziativa, dunque, non è stato meramente celebrativo. Si è voluto invece verificare quanto del pensiero di Vittorio Sainati aveva lasciato il segno nel lavoro filosofico di amici e di allievi, al fine di misurare la vitalità dei contenuti e dello stile del suo pensiero.

Ne è risultato un fascicolo di «Teoria», la rivista da lui fondata e diretta fino alla morte, che non solo ricostruisce i suoi interessi filosofici, ma che soprattutto intende confrontarsi con le posizioni, sempre nette e lucide, da lui assunte. Si tratta insomma di discutere, oggi, l’ermeneutica, la logica, la teologia, non tanto nella prospettiva di Vittorio Sainati, quanto – come dice il titolo del convegno e come ribadisce la copertina di questo numero – a partire da lui. Per continuare a pensare insieme con lui. E così, di fatto, onorarlo.

 

Scarica il fascicolo completo (PDF in italiano, 845Kb)

 
2005/2 - Arte e religione. Vittorio Sainati interprete di Croce PDF Stampa E-mail
Scritto da Vincenzo Vitiello   
Mercoledì 04 Gennaio 2012 17:01

Vincenzo Vitiello // ARTE E RELIGIONE. VITTORIO SAINATI INTERPRETE DI CROCE

Teoria 2005/2, pp. 5-20

Congiuntamente alla ricostruzione, svolta mediante un'ermeneutica rigorosa, dell'estetica crociana, Sainati ha mostrato la propria idea di arte. Dissentendo esplicitamente da Croce, affermava che la relazione fondamentale dell'estetica è con la religione, assai più che con l'etica o la storia. Inoltre, Vitiello pone l'accento sull'importanza dei primi scritti di Sainatil, come antidoti alla riduzione della filosofia a «conoscenza storica».

While reconstructing, by a rigorous hermeneutics, Croce’s Aesthetics development, Sainati jointly showed his idea of art. Explicitly dissenting from Croce, he stated that the fundamental relationship of the aesthetic experience is with religion, far more than with ethics and history. Moreover, Vitiello stresses the importance of this Sainati’s early writing, as an antidote against the reduction of philosophy to an «historical knowledge».

 

Scarica il testo completo (PDF in Italiano, 78Kb)


 
2005/2 - Una tradizione sospesa tra passato e futuro PDF Stampa E-mail
Scritto da Massimo Barale   
Mercoledì 04 Gennaio 2012 17:15

Massimo Barale // UNA TRADIZIONE SOSPESA TRA PASSATO E FUTURO

Teoria 2005/2, pp. 21-38

 

Queste pagine si misurano con il modo spesso originale in cui Vittorio Sainati è stato in grado di appropriarsi di e interpretare temi largamente diffusi tra i filosofi della sua generazione.

Ha aperto un percorso di pensiero il cui punto di partenza è un recupero antimetafisico della tradizione speculativa del neoidealismo italiano i cui risultati consistono nell’elaborazione autonoma di una forma di ermeneutica che prende in seria considerazione le fondamenta del linguaggio che è vincolato ad assimilare.

 

These pages deal with the often original way in which Vittorio Sainati has been able to appropriate and interpret issues widely spread among the philosophers of his generation.

He opened a path of thinking whose point of departure is an antimetaphysical retrieval of the speculative tradition of Italian neo-idealism and whose results consist in the autonomous elaboration of a form of hermeneutics that takes into serious consideration the ontological underpinnings of languages it is bound to assimilate.

 

Scarica il testo completo (PDF in italiano, 78 Kb)

 
2005/2 - In compagnia di G. Gentile PDF Stampa E-mail
Scritto da Claudio Cesa   
Mercoledì 04 Gennaio 2012 17:21

Claudio Cesa // IN COMPAGNIA DI G. GENTILE

Teoria 2005/2, pp. 39-48

 

Questo saggio dà conto della biografia intellettuale di Vittorio Sainati, mostrando in particolare le principali tendenze nella sua relazione con il neoidealismo gentiliano.

 

This paper gives an account of Vittorio Sainati’s intellectual biography, particulary by showing the principal tendencies of his relationship with Gentile’s neoidealism.

 

Scarica il testo completo (PDF in italiano, 48 Kb)

 
2005/2 - Su Sainati e Croce. Appunti per una ricerca PDF Stampa E-mail
Scritto da Michele Ciliberto   
Mercoledì 04 Gennaio 2012 17:26

Michele Ciliberto // SU SAINATI E CROCE. APPUNTI PER UNA RICERCA

Teoria 2005/2, pp. 49-54

 

Questo saggio dà conto della biografia intellettuale di Vittorio Sainati, sviluppando in particolare le principali linee relative al rapporto di Sainati col pensiero di Croce.

This paper gives an account of Vittorio Sainati’s intellectual biography. In particular the essay developes the principal tendencies concerning Sainati’s relationship with Croce’s thought.

 

Scarica il testo completo (PDF in italiano, 33 Kb)

 
2005/2 - Comincia da Parmenide la metafisica? PDF Stampa E-mail
Scritto da Giuseppe Nicolaci   
Mercoledì 04 Gennaio 2012 17:31

Giuseppe Nicolaci // COMINCIA DA PARMENIDE LA METAFISICA?

Teoria 2005/2, pp. 55-64

 

L’affermazione di Sainati secondo cui la metafisica è, in ultima anlisi, eleatismo, è oggetto di analisi critica alla luce di alcuni passaggi da Aristotele. Obiettivo principale dell’analisi è rendere esplicite ed enfatizzare sia la complessità della prospettiva ermeneutica di Sainati che il suo profondo interesse teoretico. Argomento principale del presente saggiosono le lezioni di Palermo (pubblicate successivamente in Credere oggi), che l’autore ha avuto modo di seguire. Ha dunque anche valore di testimonianza personale.

Sainati’s claim to the effect that metaphysics is, at bottom, Eleatism is subjected to critical scrutiny in the light of some Aristotelian passages. The main aim of the analysis is to make explicit, and to emphasize, both the complexity of Sainati’s hermenuetic perspective, and its deep theoretical interest. This essay’s main subject are Sainati’s Palermo lectures (subsequantly published in Credere oggi ), to which the author attended. It also has, thus, the value of personal testimony.

 

Scarica il testo completo (PDF in italiano, 49 Kb)

 
2005/2 - Verità metafisica e verità ermeneutica PDF Stampa E-mail
Scritto da Leonardo Samonà   
Mercoledì 04 Gennaio 2012 17:33

Leonardo Samonà // VERITÀ METAFISICA E VERITÀ ERMENEUTICA

Teoria 2005/2, pp. 65-74

 

L’articolo discute la critica di Sainati alla verità come adequatio, in cui egli vede un tentativo di autogaranzia del pensiero umano, e quindi una «conversione mondana» della filosofia che evita la natura problematica dell’esistenza. A questa interpretazione della metafisica come fuga si oppone ad un’angolazione più dialettica del pensiero metafisico.

The article argues Sainati’s critics to the truth as adaequatio , in which he sees an attempt to selfinsurance of the human thinking, and so a «mundane conversion» of philosophy that avoids the problematic nature of the existence. To this interpretation of metaphysics as escape is opposed a more dialectical angle of metaphysical thinking.

 

Scarica il testo completo (PDF in italiano, 49 Kb)

 
2005/2 - Critica teologica e teologia critica di Vittorio Sainati PDF Stampa E-mail
Scritto da Giampiero Bof   
Mercoledì 04 Gennaio 2012 17:40

Giampiero Bof // CRITICA TEOLOGICA E TEOLOGIA CRITICA DI VITTORIO SAINATI

Teoria 2005/2, pp. 75-98

 

L’articolo punta a fare luce sul percorso filosofico-teologico di Vittorio Sainati, e pone l’accento sulla sua volontà di ristabilire l’intenzione originaria e salvifica del Vangelo cristiano.

This paper aims to shed light on Vittorio Sainati’s philosophical-theological path, and to stress his will to restablish the originary and saving intention of the Christian Gospel.

 

Scarica il testo completo (PDF in italiano, 102 Kb)

 
2005/2 - Post-post-scriptum kierkegaardiano. In ricordo di Vittorio Sainati PDF Stampa E-mail
Scritto da Filippo Costa   
Mercoledì 04 Gennaio 2012 17:46

Filippo Costa // POST-POST-SCRIPTUM KIERKEGAARDIANO. IN RICORDO DI VITTORIO SAINATI

Teoria 2005/2, pp. 99-106

 

Ripensare la noziona kierkegaardiana di «comunicazione indiretta» porta non solo ad alcune prospettive ermeneutico-esistenziali anti-dogmatica, ma anche ad un recupero della conoscenza come comunicazione che mira sia alla soggettività individuale che all’intersoggettività.

Rethinking Kierkegaard’s notion of an «indirect communication» leads not only to some anti-dogmatic hermeneutic-existential perspectives, but also to a recovery of knowledge as communication aimed at both singular subjectivity and intersubjectivity.

 

Scarica il testo completo (PDF in italiano, 61 Kb)

 
2005/2 - Filosofia come «filosofia di». A partire da Vittorio Sainati PDF Stampa E-mail
Scritto da Adriano Fabris   
Mercoledì 04 Gennaio 2012 17:50

Adriano Fabris // FILOSOFIA COME «FILOSOFIA DI». A PARTIRE DA VITTORIO SAINATI

Teoria 2005/2, pp. 107-114

 

L’articolo discute l’idea di Sainati di filosofia. Secondo Sainati, la filosofia è «filosofia di» (dell’arte, della religione, della scienza, etc.): cioè una riflessione generale sull’agire umano e sul pensiero. Un ruolo importante in questo campo è giocato dalla religione. Pertanto la concezione che Sainati ha della filosofia come «critica della ragion teologica» è volta a identificare strutture, condizioni e limiti del pensiero teologico.

The paper discusses Sainati’s idea of philosophy. According to Sainati, philosophy is «philosophy of» (of arts, of religions, of sciences, etc.): that is a general reflection on human action and thought. On this field an important role is played by religion. Therefore Sainati’s conception of philosophy as a «critic of theological reason» is devoted to identify structures, conditions and limits of theological thought.

 

Scarica il testo completo (PDF in italiano, 37 Kb)

 
2005/2 - Vittorio Sainati e la filosofia medievale PDF Stampa E-mail
Scritto da Gianfranco Fioravanti   
Giovedì 05 Gennaio 2012 12:10

Gianfranco Fioravanti // VITTORIO SAINATI E LA FILOSOFIA MEDIEVALE

Teoria 2005/2, pp. 115-120

 

Il problema della Teologia nell’età di San Tommaso (1977) è il principale contributo del Sainati storico della filosofia medievale. L’analisi robusta e netta dell’ambiente intellettuale in cui si sviluppò il pensiero dell’Aquinate è spesso arricchita dall’interessa dell’autore per il dibattito teologico contemporaneo.

Il problema della teologia nell’età di San Tommaso (1977) is Sainati’s main contribution as historian of medieval philosophy. The strong and clearcut analysis of the intellectual milieu in which Aquinas’ thought developed is often fed by author’s concern for contemporary theological debate.

 

Scarica il testo completo (PDF in italiano, 33 Kb)

 
2005/2 - Sul futuro del cristianesimo PDF Stampa E-mail
Scritto da Piergiorgio Grassi   
Giovedì 05 Gennaio 2012 12:16

Piergiorgio Grassi // SUL FUTURO DEL CRISTIANESIMO

Teoria 2005/2, pp. 121-130

 

La risposta alla domanda, ricorrente nelle opere di Sainati, circa la possibilità di un futuro per la cristianità in una società secolarizzata, caratterizzata sul piano culturale da una forte critica verso ogni onto-teologia, è inizialmente assai pessimista, per poi volgersi alla speranza, poste certe condizioni, che si possa ancora afferma «che Dio esiste ed è evito, e non morirà».

The answer to the recurrent question in V. Sainati’s works about the possibility of a future for Christianity in the modern secularized society, culturally characterised by a strong criticism of any onto-theology, is at first really pessimistic, then turns into the hope, on certain conditions, of still being able to state «that God exists and is alive, and is not going to die».

 

Scarica il testo completo (PDF in italiano, 49 Kb)

 
2005/2 - Sillogistica modale e teorie della predicazione PDF Stampa E-mail
Scritto da Mauro Mariani   
Giovedì 05 Gennaio 2012 12:20

Mauro Mariani // SILLOGISTICA MODALE E TEORIE DELLA PREDICAZIONE

Teoria 2005/2, pp. 131-154

La teoria dei predicati che sottintende la sillogistica assertoria è abbastanza estensionale. La sillogistica modale è un’estensione di quella assertoria e si confronta con un certo numero di nozioni in-tensionali (cioè modalità), per lo più prese a prestito dai Topici e dall’Analitica posteriore; ma il tentativo di Aristotele di coniugare modalità e forma estensionale delle premesse assertorie si conclude in fondo con un fallimento, e il rompicapo da lui incontrato nella costruzione della sillogistica modale ha origine proprio lì.

The theory of predication underlying assertoric syllogistic is quite extensional. Modal syllogistic is an extension of the assertoric one, dealing with a lot of in-tensional notions (i. e. modalities) mostly borrowed from Topics and Posterior Analytics; but Aristotle’s attempt to bring together modalities and extensional form of assertoric premisses ends in failure after all, and the puzzles he faced with in building his modal syllogistic spring just from it.

 

Scarica il testo completo (PDF in italiano, 131 Kb)

 
2005/2 - Vincoli e possibilità nei codici del sapere PDF Stampa E-mail
Scritto da Aldo Giorgio Gargani   
Giovedì 05 Gennaio 2012 12:30

Aldo Giorgio Gargani // VINCOLI E POSSIBILITÀ NEI CODICI DEL SAPERE

Teoria 2005/2, pp. 155-182

 

La cultura filosofica e scientifica contemporanea è caratterizzata da vincoli e condizioni limitative di vario genere, che si scontrano con l’attitudine e la propensione umane a ipotesi generalizzanti e teorie che vanno oltre i limiti della loro applicazione legittima. Cionondimeno, vincoli e limiti non vanno visti solo come ostacoli alla conoscenza, si è invece dimostrato come, mettendo da parte le generalizzazioni illegittime e sostituendo a queste ultime un nuovo ambito di differenze, aiutino a gettare le fondamenta di nuove possibilità intellettuali, estendendo il nostro orizzonte di possibilità.

Contemporary philosophical and scientific culture is characterized by limiting conditions and bounds of various kind which conflict with the human being’s attitude and propensity to generalizing hypotheses and theories beyond the bounds of their legitimate application. Nonetheless, bounds and limits are not to be seen only as being obstacles to knowledge, but they are shown to get new intellectual possibilities off the ground by their putting aside illegimitate generalizations and substituting a new domain of differences for the latter, with the final result of enlarging the horizon of our intellectual possibilities.

 

Scarica il testo completo (PDF in italiano, 121 Kb)

 
2005/2 - Il mito del sistema completo PDF Stampa E-mail
Scritto da Enrico Moriconi   
Giovedì 05 Gennaio 2012 12:43

Enrico Moriconi // IL MITO DEL SISTEMA COMPLETO

Teoria 2005/2, pp. 183-190

 

Questo saggio sic concentra su due tentativi fatti da Sainati per rinnovare gli argomenti del neoidealismo ricorrendo a suggestioni tratte da celebre Teorema dell’Incompletezza di Goedel (1931). Si dà qui seguito ai rilievi di Sainati sulla relazione tra «logo astratto» e «logo concreto» in relazione ad alcuni testi non pubblicati di Goedel.

The focus of this paper is on two attempts Sainati made to renew neoidealistic themes by means of suggestions drawn from the famous Goedel’s Incompleteness Theorems of 1931. Sainati’s remarks on the relationship between «logo astratto» and «logo concreto» are here pursued by reference to some of Goedel’s unpublished texts.

 

Scarica il testo completo (PDF in italiano, 41 Kb)

 
2005/2 - Un esempio di rappresentazione popolare: il significato del balcano in quattro autori bulgari PDF Stampa E-mail
Scritto da Giacomo Brucciani   
Giovedì 05 Gennaio 2012 12:44

Giacomo Brucciani // UN ESEMPIO DI RAPPRESENTAZIONE POPOLARE: IL SIGNIFICATO DEL BALCANO IN QUATTRO AUTORI BULGARI

Teoria 2005/2, pp. 191-209

 

L’articolo analizza la relazione tra i bulgari e i Balcani per come è stata sviluppata da alcuni autori tra il XIX e il XX secolo (H. Botev, I.Gjuzelev, P. Slavejkov, J. Jovkov), al fine di gettare luce sull’autopercezione del popolo bulgaro.

This paper analysis the relationship between the Bulgarians and the Balcan as developed by four authors between the XIXth and XXth century (H. Botev, I.Gjuzelev, P. Slavejkov, J. Jovkov), for sheding light on the selfperception of the Bulgarian people.

 

Scarica il testo completo (PDF in italiano, 139 Kb)

 
2005/2 - La «buona comunicazione» come efficacia in Charles Morris PDF Stampa E-mail
Scritto da Mariano Ure   
Giovedì 05 Gennaio 2012 13:08

Mariano Ure // LA «BUONA COMUNICAZIONE» COME EFFICACIA IN CHARLES MORRIS

Teoria 2005/2, pp. 211-221

 

Sulla base di un’analisi critica di alcuni principi della semiotica di Morris, questo saggio evidenzia la necessità di un’etica dei processi comunicativi, mostrando la richezza che emerge dal dialogo tra linguistica, semiotica, filosofia del linguaggio, ontologia ed etica.

On the basis of a critical analysis of some principles of Morris’ semiotics, this paper stresses the necessity of an ethics in communication processes, by showing the richness coming out from the dialogue between linguistcs, semiotics, philosophy of language, ontology, and ethics.

 

Scarica il testo completo (PDF in italiano, 57 Kb)

 
Recensioni - 2005/2 PDF Stampa E-mail
Scritto da La redazione   
Mercoledì 04 Gennaio 2012 15:45

Volumi recensiti

 

Maurizio Mottolese // La via della qabbalah: esegesi e mistica nel Commento alla Torah di Rabbi Bahya ben Aser, introduzione

di M. Idel, il Mulino, Bologna 2004, pp. 263

Emerich Coreth // Dio nel pensiero filosofico, Queriniana, Brescia 2004, pp. 464

William David Ross // Il giusto e il bene, a cura di Roberto Mordacci, Bompiani, Milano 2004, pp. LXXIV-214.

Martin Heidegger // Der Begriff der Zeit («Gesamtausgabe» – III. Abteilung: Unveröffentlichte Abhandlungen - Vorträge - Gedachtes, vol. 64), Klostermann, Frankfurt a. M. 2004, pp. 133.

Birgit Recki // Kultur als Praxis. Eine Einführung in Ernst Cassirers Philosophie der symbolischen Formen, Akademie Verlag, Berlin 2004, pp. 223.

Michael Friedman // La filosofia al bivio. Carnap, Cassirer, Heidegger, a cura di Massimo Mugnai, Raffaello Cortina, Milano 2004, pp. 211.

Andrea Borsari (a cura di) // Politiche della mimesis. Antropologia, rappresentazione, performatività, Mimesis, Itinerari filosofici, Milano 2003, pp. 307.

AA.VV. // Eredità di Carlo Michelstaedter (Atti del Convegno Internazionale di Studi Michelstaedter. «Il coraggio dell’impossibile », Gorizia, 1-3 ottotbre 1987), a cura di Silvio Cumpeta e Angela Michelis, Forum - Editrice Universitaria Udinese, Udine 2002, pp. 280.

Günter Figal (a cura di) // «Internationales Jahrbuch für Hermeneutik», vol. IV: Platon und die Hermeneutik, Mohr Siebeck, Tübingen 2005, pp. 364.

Jürgen Habermas // Tempo di passaggi, tr. it. e cura di L. Ceppa, Feltrinelli, Milano 2004, pp. 162.

John Rawls // Lezioni di storia della filosofia morale, a cura di B. Herman, t. it. di P. Palminiello, Feltrinelli, Milano 2004, pp. 419.

Mario Telò // Dallo Stato all’Europa, Carocci, Roma 2004, pp. 257.

Eckart Ruschmann // Consulenza filosofica. Prima parte, traduzione di Davide Scelzo e cura di Rosaria Longo, Armando Siciliano, Messina 2004, p. 112.

Franco Gallo // Nietzsche e l’emancipazione estetica, manifestolibri, Roma 2004, p. 272.

Carmelo Meazza // Note, appunti e variazioni sull’attualismo…passando per Heidegger, Edizioni ETS, Pisa 2004, p. 260.

 

Scarica il testo completo (PDF in italiano, 238 Kb)