Recensioni
Breviario di politica PDF Print E-mail
Written by Adriano Fabris   
Thursday, 26 May 2011 13:40
There are no translations available.

Pier Paolo Portinaro, Breviario di politica, Morcelliana, Brescia 2010

 

Pier Paolo Portinaro insegna Filosofia politica all’Università di Torino e divide la sua attività di ricerca tra l’Italia e la Germania. Ha al suo attivo numerosi volumi sia su autori importanti del dibattito etico-politico novecentesco – da Carl Schmitt a Günther Anders a Norberto Bobbio –, sia su questioni fondamentali del dibattito storico-politico contemporaneo. Mi riferisco soprattutto alle sue analisi sulla figura del “Terzo” (Franco Angeli, Milano 1986), alla sua Apologia del realismo politico (Marsilio, Venezia 1993; si veda anche il saggio pubblicato da Laterza nel 1999 sullo stesso argomento), alla sua riflessione sullo Stato (il Mulino 1999), alla sua ricognizione del Labirinto delle istituzioni della storia europea (il Mulino 2007). In tutti i suoi lavori Portinaro unisce grande competenza relativamente allo spessore storico delle questioni affrontate, ammirevole chiarezza nell’esposizione e nelle proposte interpretative, lucido realismo.

 Non fa eccezione il Breviario di politica, che fra l’altro ha ricevuto quest’anno (2011) il Premio filosofico Castiglioncello. Nell’accezione corrente, come ben si sa, “breviario” è un libro di preghiere, dal quale, in qualche modo, ci si attende consolazione. Ma non è questo ciò che propone il libro: anche se il tempo presente di consolazioni avrebbe certo bisogno. Il termine “breviario”, infatti, ha anche un altro significato: quello di sintesi, di “compendio”. Più precisamente, ciò che appunto dice del suo libro Portinaro è che il Breviario di politica è una “sinossi”. In che senso? Nel senso che esso non espone una visione del mondo, né fa da portabandiera all’ennesima ideologia – nulla vi sarebbe di più distante dalla personalità del nostro autore –, ma offre una guida per orientarsi nella scelta degli strumenti che consentono di capire e di gestire una corretta politica. Il tutto all’interno di una cassetta di attrezzi – per continuare con la metafora – che risulta oggi sempre più disordinata e confusa. Aiutare a comprendere il presente: non è poco.

Read more...
 
Il corpo digitale PDF Print E-mail
Written by Administrator   
Thursday, 26 May 2011 13:32
There are no translations available.

Marturano, A. (ed.), Il Corpo digitale: natura, informazione, merce, G. Giappichelli Editore, 2010

 

 

Il libro è un'antologia (divisa in tre parti) che propone una riflessione multidisciplinare sulle molte questioni legate alla digitalizzazione del corpo umano; gli interventi sono firmati da studiosi diversi per formazione, area disciplinare e provenienza. La prima parte della raccolta, La trasformazione dei corpi in informazione si concentra sugli aspetti più teorici di questo recente fenomeno e sui problemi morali che esso comporta. Il primo saggio, Il concetto di informazione genetica di Antonio Marturano, indaga sul concetto d'informazione nell’ambito della biologia molecolare; esso mostra non solo come il modello «informazionale» sia stato uno «strumento operazionale» fondamentale nello sviluppo e la promozione della ricerca genetica, ma anche come tale modello sia stato ipostatizzato, provocando diversi problemi etici. Nel suo articolo Il cattivo, il brutto e il virtuale: l’etica nell’età del virtuale Mark Poster, uno studioso americano di media studies, si interroga sul modo in cui la riflessione etica entra nei new media; secondo Poster i media «de-terrirorializzano» la cultura, sconvolgendo le certezze morali, come ha fatto appunto il film Il buono, il brutto e il cattivo (1966) di Sergio Leone con il western movie. L’era virtuale è caratterizzata da una specie di vita culturale che è al di là del bene e del male e perciò internet sollecita un ripensamento radicale dell’etica e della politica; Poster propone la filosofia di Nietzsche come punto di partenza. Il terzo contributo, Biometria, identificazione e sorveglianza di David Lyon, si concentra sui problemi etici dell’uso della biometria: l’idea che essa, come strumento di identificazione e verifica dell’identità, possa offrire una soluzione ai problemi di sicurezza in ambito governativo è molto diffusa tra politici e accademici soprattutto dopo l’11/09. Il problema dell’identificazione biometrica risiede nel fatto che essa privilegia certi gruppi e svantaggia altri già vulnerabili ed emarginati. Inoltre nella biometria il corpo stesso diventa «informazioni», che si riferiscono a dati astratti e che escludono il «corpo auto attestante», ovvero quelle storie raccontate dalla persona il cui corpo è sotto esame.

Read more...
 
«StartPrev123456NextEnd»

Page 6 of 6