2006/1 - Fichte: l’orizzonte comunitario dell’etica PDF Stampa E-mail
Scritto da Marco Ivaldo   
Lunedì 03 Settembre 2012 11:13

Marco Ivaldo // Fichte: l’orizzonte comunitario dell’etica (le lezioni del 1812)

Teoria 2006/1, pp. 37-54

 

Nella sua Etica del 1812, Fichte sviluppa una teoria della moralitù come incarnazione di valori morali e ideali etici in un contesto di comunicazione. L’idea morale è “immagine di Dio”. L’identià individuale può formarsi solo attraverso un processo di interazione. Non c’è Io senza Altro. La comunità morale è il manifestarsi dell’Assoluto. L’amore creativo è visto come “sigillo di moralità”: questa è forse la differenza principale con l’Etica del 1789.

 

In his Ethics of the year 1812 Fichte developes a theory of morality as incarnation of moral values and ethical ideas in a context of communication. The moral idea is “image of God”. Individual identity can be formed only through the interactive process. No I without the Other. Moral community is the manifestation of the Absolute.The creative love is seen as the “signet of morality”: this is probably the greatest difference from the Ethics of the year 1798.

 

Scarica il testo completo (PDF in italiano, 75Kb)